Contattaci
HUESKER s.r.l.
Piazza della Libertá 3
34132 Trieste
Italia

Breve Riassunto

Portoni frangivento meccanizzati Lubratec

Estremamente leggeri e facili da installare, i portoni in tessuto sintetico presentano eccezionali doti di robustezza unite ad una versatilità fuori dal comune: è possibile infatti scegliere tra diversi materiali (ed eventuali combinazioni degli stessi) per confezionare il portone. Tutte le soluzioni prevedono l’apertura dal basso verso l’alto, con differenti livelli di automazione.

Sistemi meccanizzati per grandi aperture

Le pareti mobili Lubratec rappresentano la soluzione ideale per la chiusura degli ingressi per veicoli industriali ed agricoli o per chiudere tettoie e rimessaggi. Quando l'apertura è chiusa, il telo è tensionato da appositi fermi in modo da fornire una barriera efficace agli agenti atmosferici. Il serraggio può avvenire verticalmente od orizzontalmente, per avvolgimento o per piegatura.

Galleria

Perchè scegliere i portoni Lubratec?

L’uso di materiali robusti e durevoli, quali il poliestere (PET) ed il polietilene (PE), per la realizzazione dei portoni Lubratec garantisce un’eccezionale resistenza a condizioni meteorologiche avverse ed ai raggi UV.  Sono presenti a catalogo diverse soluzioni per ogni modello. Come per ogni prodotto della linea Lubratec, anche per i portoni è sempre disponibile un altissimo grado di personalizzazione.

Perchè scegliere i sistemi Lubratec?

L'utilizzo di materiali robusti e durevoli per la realizzazione di tutti i prodotti Lubratec, come ad esempio il poliestere (PET) ed il polietilene (PE), li rende pariticolarmente idonei e resistenti agli agenti atmosferici ed ai raggi UV. È disponibile un'ampia gamma di personalizzazioni, per dimensione, per azionamento, per materiale e per colore. Tutti i sistemi vengono realizzati su misura secondo le specifiche del cliente.

Dettagli

Sono disponibili 3 modelli di portono avvolgibili Lubratec:

  • Lubratec Roto
  • Lubratec RotoCentro
  • Lubratec RotoForte

Rappresenta la soluzione più semplice, essendo costituito dal semplice telo con il meccanismo di avvolgimento in alto ed un peso tensionante in basso. Il portone è tenuto in posizione, quando chiuso, da una coppia di fermi ancorati a terra od ai margini inferiori dell’apertura. Sprovvisto di guide laterali, è una soluzione a basso costo per la chiusura di autorimesse.

Il meccanismo di avvolgimento è a metà altezza in modo da raddoppiare la velocità di apertura a parità di velocità di rotazione del meccanismo. Lateralmente il portone è mantenuto in posizione da due guide in alluminio con guarnizioni a labbro. La movimentazione è garantita da un avvolgitore elettrico (con telecomando in opzione) o da un manovellismo manuale.

Nei portoni rinforzati la stoffa è irrigidita grazie a barre di rinforzo orizzontali in alluminio che sono tenute in posizione dalle guide laterali. Il meccanismo di avvolgimento è in alto. Il portone può essere installato sia internamente che esternamente al fabbricato. La movimentazione può avvenire tramite azionamento manuale o grazie all’uso di motori elettrici (monofase o trifase) con telecomando opzionale.

Le pareti mobili Lubratec possono esser fornite nei seguenti modelli:

  • Lubratec Avvolgimento Centrale
  • Lubratec Avvolgimento Alto
  • Lubratec Pieghevole
  • Lubratec Laterale

I sistemi ad avvolgimento centrale sono usati per chiudere vani di grandissime dimensioni. La parete è avvolta in alto quando il portone è aperto, completamente svolta e tensionata tramite cricchetti agganciati a terra quando chiusa. Portoni particolarmente grandi sono movimentati da un motore elettrico che può essere fisso, accoppiato ad un braccio articolato telescopico o mobile su rotaia. Le unità più piccole possono essere movimentate tramite manovellismo manuale.

L’uso del motore tubolare è limitante per quanto riguarda le dimensioni, ma viene sempre accoppiato ad un’installazione di maggior robustezza, in quanto vengono sempre installate le guide laterali con guarnizioni a labbro. É tipicamente usato per chiudere i vani di transito di grandi veicoli industriali. Completamente avvolto in alto quando aperto, è semplicemente svolto quando chiuso se interno, può essere tensionato a terra se perimetrale all’edificio.

L’uso del motore tubolare è limitante per quanto riguarda le dimensioni, ma viene sempre accoppiato ad un’installazione di maggior robustezza, in quanto vengono sempre installate le guide laterali con guarnizioni a labbro. É tipicamente usato per chiudere i vani di transito di grandi veicoli industriali. Completamente avvolto in alto quando aperto, è semplicemente svolto quando chiuso se interno, può essere tensionato a terra se perimetrale all’edificio.

Questa soluzione rappresenta la forma più semplice di chiusura: il telo è fissato in alto su una rotaia, il meccanismo avvolgibile è sospeso con funzione tensionante. Quando completamente svolto, quindi a portone chiuso, il fissaggio a terra avviene tramite un sistema a cinghia d’ancoraggio e cricchetto. L’azionamento può essere elettrico o manuale.

Il sistema di chiusura pieghevole è usato per aperture molto alte. Il meccanismo di raccolglimento è sito nella parte superiore, quindi in fase di dimensionamento è importante tener conto dello spazio che la stoffa raccolta occuperà quando il portone è in fase di massima apertura. Rinforzi orizzontali agganciati al carrello delle guide laterali  in alluminio assicurano l’operabilità del portone anche in condizioni di forte vento. L’azionamento può essere manuale od automatico.

Le chiusure scorrevoli sono particolarmente indicate quando lo spazio disponibile in altezza è ridotto. Il meccanismo di apertura e chiusura fa affidamento ad una cinghia che scorre nella guida superiore. Il tensionamento avviene grazie a due robusti cricchetti, mentre il fissaggio a terra quando chiuso si avvale di cinghie d’ancoraggio e cricchetti.